mercoledì 24 dicembre 2014

Natale..


Voglio augurare a tutti gli amici/e un sereno e felice Natale,nella gioia e nella pace famigliare.
Auguri a tutti,Buone Feste.


Il nostro albero

martedì 23 dicembre 2014

Un Altro Grande Del Rock Se Ne è Andato...


Ciao Joe, RIP


È morto il cantante Britannico Joe Cocker, AVEVA 70 anni. Era malato da tempo di cancro.  Era nato a Sheffield Nel 1944, AVEVA raggiunto Il successo Sono il Blues Cantante NEL 1964. Ha Registrato Più di 40 album. Nel 1983 ha Ricevuto il Grammy per Up Where We Belong .  

mercoledì 10 dicembre 2014

Have You Ever Seen The rain? - Creedence Clearwater Revival 1970



 Una delle più grandi canzoni da road movie degli anni '70, parla dello scioglimento dei Credence,
della apparente ritirata dalle speranza sociali degli anni precedenti---

La formazione storica vede all'opera John Fogerty(chitarra solista,armonica e voce) ,il fratello Tom(chitarra ritmica) Stu Cook (basso) e Doug Clifford ( batteria)


mercoledì 3 dicembre 2014

venerdì 1 agosto 2014

COME DIFENDERSI DAL PRELIEVO FORZOSO IN ARRIVO

Da IL NORD
Quotidiano


Nonostante le continue smentite del premier non eletto Matteo Renzi, da più parti, compresi i dintorni di certi “salotti”, si da per certo che tra settembre ed ottobre il governo dovrà varare una maxi stangata finanziaria con tanto di prelievo forzoso sui conti degli italiani, preludio all'arrivo degli oligarchi della troika BCE-FMI-UE dalle parti di palazzo Chigi.
D'altra parte si tratta di un epilogo annunciato e del tutto prevedibile: un governo che riesce a sbagliare per quattro volte consecutive le stime di crescita del pil e, a ruota, dell'andamento dei conti pubblici non poteva che portare il paese dritto dritto nel baratro, completando l'opera iniziata dal primo “governo di nonno Giorgio”, quello del tecnocrate Monti che avrebbe dovuto far vedere la luce in fondo al tunnel agli italiani e che invece li ha accompagnati col suo gelido sorriso e la sua colossale incapacità dritti dritti nella fossa delle Marianne del disastro pubblico.
Occorre infatti ricordare che negli anni successivi alla crisi dei subprime (2008), le dinamiche dei conti pubblici italiani, per quanto non brillanti, si erano deteriorati in modo molto minore rispetto ai paesi cosiddetti “virtuosi”, tanto che il debito pubblico era cresciuto in % molto meno degli altri.
Quindi, se siamo ridotti in questa situazione dobbiamo ringraziare, nell'ordine: Monti, Letta e Renzi, con il primo ed il terzo che stanno battendo tutti i record in termini di incapacità e disastri economici.
La ricetta che si prepara agli italiani è ben conosciuta: patrimoniale, prelievo forzoso sui conti correnti, tagli alle pensioni (comprese quelle già in essere) ed alla sanità (i malati di cancro cacciati dagli ospedali greci perché non in grado di pagarsi le cure vi dicono nulla?).
Come potersi proteggere dalla tempesta che sta per colpire il paese a meno di un improbabile guizzo di coraggio dell'ex sindaco di Firenze che lo porti a non rispettare i diktat di Berlino?
Partiamo dal presupposto che con ogni probabilità il prelievo avverrà di notte e con effetto retroattivo, così come raccomandato dai tecnocrati del FMI per evitare che qualcuno possa sfuggire alla rapina di stato, per cui comunque potrebbe risultare quasi impossibile evitare di essere massacrati. Sì, lo sappiamo: i principi del diritto dicono che una legge non può avere effetto retroattivo, ma il governo Renzi ha già dimostrato di non porsi di questi problemi morali, quindi abbandoniamo questa speranza.
Oltre ai conti correnti, la patrimoniale potrebbe colpire i titoli finanziari, come azioni, obbligazioni,  fondi comuni e le polizze assicurative: tutti prodotti che possono essere facilmente “munti” in quanto le compagnie assicurative e le banche prelevano alla fonte ciò che ordina lo stato.
Qualcuno potrebbe pensare di prelevare giorno per giorno una piccola quantità di denaro da tenere sotto il materasso, ma è opportuno ricordare che esistono forti limitazioni ai pagamenti per contante (adesso vi suona più chiaro il motivo?) e che nell'arco dei prossimi due anni tutte le banconote in circolazione verranno cambiate con quelle di nuovo disegno e messe fuori corso. Di conseguenza, se doveste trovarsi con parecchio contante in casa sareste comunque costretti a farveli cambiare in banca e, statene certi, poi scatterebbero gli accertamenti di parte dell'agenzia delle entrate.
Quindi che soluzioni ci possono essere?
Convertire una parte della liquidità in beni facilmente trasportabili, che non abbiano obbligo di denuncia. Si tratta quindi dei classici oggetti da collezione: come orologi, penne, francobolli, ecc, che possono essere venduti anche all'estero e trasportati con comodità.
Sì, si tratta di economia di guerra, ma è quella che purtroppo è diventata la zona dell'euro: un teatro di guerra attuata dalla Germania per il predominio sull'interno continente.
Già alcuni anni fa, Eugenio Benettazzo aveva previsto questa crisi ed aveva considerato “fortunati” coloro che avessero avuto un piccolo appezzamento di terreno dal quale trarre sostentamento. Vi sembra una visione catastrofista? Provate a pensare a quelle famiglie dove entrambi sono disoccupati: se avessero un pezzo di terreno taglierebbero drasticamente le spese di alimentazione, il che non sarebbe comunque cosa di poco conto.
Vi ricordate la danza di gioia di Prodi e compagni per l'ingresso dell'Italia nell'euro? Bene, vi sareste mai immaginati che a distanza di poco più di un decennio ci si sarebbe trovati con lo spettro dell'esproprio da parte dello stato dei beni delle nostre famiglie?
Una piccola postilla finale: a parte tenere i soldi sotto il materasso (che comunque non è così facile) avete notato che gli strumenti per sfuggire alla patrimoniale... riguardano oggetti che richiedono capacità e conoscenze estremamente elevate per evitare di venire turlupinati?
Sì, esatto: alla fine il conto salato dell'euro verrà pagato dal ceto medio, non certo da quello che su questa crisi ha prosperato affidando la gestione del proprio patrimonio ai grandi fondi speculativi, e meno che meno dalla casta politica e da quella del suo sottobosco.
Saremo tutti rovinati, ma col sorriso sulle labbra grazie alle folgoranti battute dell'ex sindaco di Firenze. Peccato che non abbia deciso di seguire le orme di Benigni e Pieraccioni: avrebbe sbancato i botteghini e risparmiato agli italiani un futuro di distruzione economica, morale, civile.